1783188
30 Ottobre 2020
news

ELIMINIAMO IL VINCOLO. NON HA PIU SENSO ALCUNO...

03-07-2014 13:24 - ultimissime dalla sede
Un calcio al business
di MASSIMO MAZZITELLI
Vogliamo riformare il calcio? Cominciamo allora a "liberare" i calciatori. Cominciamo a togliere business, mercanti (improbabili procuratori) e dirigenti affaristi che gravitano intorno alle scuole calcio e ai settori giovanili di tutti i livelli. Eliminiamo il vincolo dilettantistico che imprigiona un giovane calciatore dilettante sino ai 25 anni con una società facendo di ragazzini dai 14 ai 16 anni assegni circolari per procuratori. Proviamo a rimettere al centro del campo lo sport, il divertimento, i sogni di un ragazzo, la gioia e l´orgoglio di aver contribuito alla crescita di un campione. O la voglia di giocare ancora a 23 o 24 anni solo per passione.
Basta andare a vedere una qualsiasi partita Allievi in giro per l´Italia per trovare a bordo campo una miriade di personaggi: c´erano anche una volta, ma erano i "mitici" osservatori, quelli che scrivevano, litigavano tra di loro sul destro di un ragazzo e facevano a gara ad individuare il vero talento. Poi partiva la telefonata alla società importante amica. Il compenso? Poter dire: "Quello l´ho scoperto io" e poter parlare nel paese o nel quartiere a nome di club come Juve, Inter, Roma... Il loro posto è stato preso da "procuratori" dalla promessa facile. Basta un dribbling fatto bene per aprire il vaso dei sogni di un ragazzo di 14 anni: arrivano promesse di sicuri approdi alle grandi squadre e grandi ingaggi che spesso restano appunto solo promesse.
Ma interessa poco che quel ragazzo possa diventare un campione, perché è già un business che può valere decine di migliaia di euro. Lo chiamano premio di formazione ed il principio è anche giusto: riconoscere alla società che ha formato il calcisticamente il ragazzo un premio per il lavoro svolto. La stortura è che ora è diventato un business e per l´Italia girano eserciti di ragazzini che non avranno mai la minima possibilità di giocare tra i professionisti. A interessare sono quei trentamila euro di premio di formazione, non capire o accompagnare quel ragazzo nella crescita. E per non sbagliare o rischiare di lasciarsi scappare l´eventuale fenomeno scattano contratti o vincoli che rischiano di travolgere la passione. Per decenni il calcio italiano è stato all´avanguardia nel mondo e i nostri campioni arrivavano da oratori o da piccole squadre dove l´allenatore e il presidente tutti i giorni insegnavano calcio solo per passione e non per fare business sulla pelle di ragazzi appassionati. E´ proprio anacronistico ritornare a quel mondo? Non possiamo lasciare il business fuori dai settori giovanili e dalle società dilettantistiche? Siamo sicuri che il sistema non crollerà perché il motore più forte e pulito nello sport rimane sempre la passione.

I trombaio 03-07-2014
Lo sempre
Sono,daccordo su tutto.
Nickname





Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio